Immagine casuale
Ottobre 1995
L M M G V S D
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Banner

Nardini Antonia

Sono nata a Villanova di Bagnacavallo nel 1940, vivo a Ravenna dal 1969 e ho da sempre predisposizione per il disegno.

Ho iniziato la mia esperienza circa 40 anni fa dipingendo con i colori a tempera e, poco dopo, sono passata alla tecnica dei colori ad olio.

Per diversi anni ho partecipato al concorso estemporaneo di Marina di Ravenna dove, nel 1985 e nel 1987, sono stata premiata.

Oltre che su tela, dipingo su tessuti, vetro ed altri materiali.

Sono iscritta all’Associazione Culturale ARTëJ Ritagli d’arte di Russi dal 2010.

Dal 2012 ad oggi partecipo a tutte le mostre collettive presso la Chiesa in Albis di Russi, Palazzo S.Giacomo di Russi, Bagnacavallo, Faenza, Ferrara, Monte del Re di Dozza.

Frequento da tre anni la Scuola d’Arte Bartolomeo Ramenghi di Bagnacavallo sotto la guida delle pittrici Liliana Santandrea e Margherita Tedaldi.

All’inizio del 2015 ho avuto l’onore di essere accettata nell’Associazione Culturale BiART Gallery diretta egregiamente da Liliana Santandrea.

Attualmente dipingere è molto più di un hobby, fonte di grandi soddisfazioni e gratificazioni.

Considero un hobby lo scrivere poesie e racconti in dialetto.

Sono associata da molti anni all’Istituto Friedrich Schürr e partecipo alle spassose iniziative e trebbi. 

Contatti
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

NA_01Natura morta con rose e zucche

NA_02
I girasoli

NA_03
Funghi

NA_04
Piallassa con barche 

NA_05

I GIRASOLI
Deliziose facce di bimbi
che sorridono al sole
muovono i biondi capelli al vento
ma cercano le carezze
dei caldi raggi solari
per crescere
come per magia.
Si tengono per mano
in un interminabile girotondo
per arrivare a donare
i propri frutti
e rinascere ancora.

NA_06


LUMINOSITÀ E PEPERONCINI
Luce proiettata
sulla spiaggia solitaria
dove si sente leggero
il rumore del mare
l’eco nelle conchiglie
e il profumo delicato
dei peperoncini
adagiati su una
vecchia sedia.

 

 

< Indietro